ll deposito

Questo è un mio articolo uscito in una rivista ad accesso chiuso.  Voi lo potete leggere grazie al combinato disposto dell’articolo 42 della legge italiana sul diritto d’autore(*) e dei cinque minuti che ho dedicato al suo deposito in un archivio disciplinare.

Nel mondo dell’open access questa procedura si chiama via verde all’accesso aperto. Seriamente, è una cosa così difficile?

(*) Ma che fare se l’editore chiede di cedergli i diritti? Io ho preso l’abitudine di piazzare preliminarmente sui miei articoli una bella licenza Creative Commons by-sa. Se all’editore non sta bene, posso sempre depositare il testo in un archivio aperto, o perfino qui, ricordando che non è stato pubblicato sulla rivista X per divergenze sul copyright. Io lavoro gratis per i beni comuni, non per i profitti privati.

One Trackback to “ll deposito”

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: